Jump to content

[Accordo Fiat Chrysler] Che ne pensate?


autobas
 Share

Recommended Posts

  • Moderator

Ieri leggendo il Financial Times  c'erano elogi più o meno velati alla velocità e alla intraprendenza di Marchionne e al fatto che aveva subodorato l'ingresso dello stato francese in Psa, naturale socio libero di Fiat in Europa, ingresso che ovviamente fa storcere il naso a qualunque manager. Ha fatto un accordo a costo praticamente nullo e si trova una rete di vendita già bella e fatta di 3300 punti, in cambio l'accesso alle tecnologie e alle parti meccaniche delle "small", come dicono lì. Sono curioso di sentire le vostre opinioni :-)

Link to comment
Share on other sites

  • Moderator

sarò franco, a noi italiani è dura mett.....la nel c.lo, di solito e il contrario, dico il mondo ora va cosi, sembra non costi soldi ma tecnologia già in nostro possesso, per il mio modesto parere bisognava provarci, ora nei confronti dei nostri cugini francesi siamo un pò più forti di prima, dato che loro producono come gruppo un numero più grande di auto, nulla ci vieta di trattare ancora anche con loro, a questo punto saremo internazionali cosa che deve essere fatta per non annegare.

ciao A come stai, tutto bene, tu la vedi diversamente? boschservice

Link to comment
Share on other sites

Mah ! Io mi astengo dal dare un giudizio, ma qualcosa la vorrei dire. L'andamento di oggi è quello di conmunicare e conglobare, siamo inseriti in un vortice che ci trascina e forse siamo costretti a seguire una certa strada. Non mi meraviglio più di niente. Staremo a vedere.

Link to comment
Share on other sites

Io sono un pochino scettico. Forse perchè mi torna alla mente la "storia" con Opel. In fin dei conti siamo sempre considerari i "cugini" poveri e sfigati di tutti, ma da quando Fiat ha "scaricato" la Opel i risultati non sono mancati. Comunque non sono un mago della finanza e forse l'accordo avrà i suoi lati positivi per Fiat che io non riesco a vedere, ma non avrei dato la mia tecnologia in cambio della possibilità di costruire i miei prodotti nelle loro fabbrihe.... Stiamo a vedere.  :alien:

Andrea

Link to comment
Share on other sites

  • Moderator

Strano..... con GM è andata come sappiamo e a distanza di pochi anni la Fiat acquista il 25% del pacchetto Chrysler in cambio della nostra tecnologia sui dispositivi antinquinamento, prendiamo atto che su questo terreno loro sono indietro, per forza da 15 anni a questa parte sono cambiate ben 4 normative Euro/.... e siamo pronti per la nr.5, adesso che lo sappiamo ci sentiamo tutti dei gran fighi di autoriparatori. :cool: :cool:

Link to comment
Share on other sites

  • Moderator

Guarda che le normative antinquinamento in vigore negli Usa corrispondono al nostro Euro 6, la Fiat è indietro nel settore fuoristrada, suv e e simili, il Voyager nel suo segmento è un riferimento da anni,( se avessi posto e soldi onestamente la c 300 Sw la comprerei) mentre nelle piccole la Chrysler è a terra, visto che non cacciano soldi e l'accordo è subordinato al finanziamento da 4 Miliardi di dollari da parte del governo Usa forse tutto sommato è un buon affare per entrambi, avvicinandosi il gruppo al numero fatidico di 5/6 milioni di auto prodotte, numero che permette la sopravvivenza di un gruppo automobilistico. Staremo a vedere se Marchionne ha azzeccato un'altra mossa :oO:

 

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Staremo a vedere se Marchionne ha azzeccato un'altra mossa

 

Per adesso ne ha sbagliate veramente poche, io sono molto favorevole alla cosa e non mi dispiace per niente che sia Chrysler a "mischiarsi" in Fiat. Visto che si è parlato di C300, è un'auto di cui mi sono innamorato quando sono stato negli States e a dirla tutta là era come qua la punto, a Los Angeles non passavano 10 minuti che ne incrociavi un paio... senza parlare della versione "Dodge".

Link to comment
Share on other sites

Salve ragazzi,io spero che Marchionne abbia avuto la testa sulle spalle come ha avuto fino ad oggi,ovvero abbia "comprato"la chrysler per un pugno di cecci,per poi radrizzandola un po e rivenderla ad un prezzo moooolto superiore.

La Chrysler da mesi è in una crisi buia,se pensiamo che da ottobre ad oggi non ha prodotto una singola vettura negli stabilimenti in tutto il mondo,ricordando che quello in spagna è stato chiuso,quello a Graz in austria idem,e in america idem parliamo di numeri pari a ZERO auto prodotte.

Questa casa è messa veramente male.Gli ultimi prodotti si possono considerare dei flop,se non ingrana il best seller cherokee è rovinata..ha modificato pesantemente il top mondiale dei monovolume il Voyager,stra venduto in europa nelle versioni passate,ma nell'ultima versione "troppo americana" non trova clienti ne in europa ne aimè negli states..

In questo triste scenario,abbiamo un'azienda in italia che ne sta soffrendo parecchio,ovvero la ditta che fa per loro i motori diesel,che di quel che mal se ne dica,il loro lavoro lo compiono onestamente.

Speriamo che mamma fiat,riesca in un intento di portare benessere per tutti,e non come spesso accade,che faccia siringare dei soldi da noi tramite lo stato,per poi vuotare la siringa che contiene i soldi di noi contribuenti,al lingotto a torino.

Voglio fare una considerazione personale..dove passano gli americani non cresce nemmeno più l'erba,è come il caso della ditta (che ho su menzionato)che fornisce loro i motori..oltre il danno la beffa,chrysler va da panico..gm che se la è comprata,la ridotta in mutande...

Link to comment
Share on other sites

  • 8 years later...

...ma in compenso ci siamo riempiti di chrysler!

...e in america, si, qualche 500 effettivamente c'e', chi vuole fare il figo..puo'

Link to comment
Share on other sites

  • Moderator

l'opportunità è stata grande, al momento non vedo grossi vantaggi per noi in italia, speriamo io dico, sentiamo un po di parere magari se puo pure l'amico @rikymoto

Link to comment
Share on other sites

l'opportunità è stata grande, al momento non vedo grossi vantaggi per noi in italia, speriamo io dico, sentiamo un po di parere magari se puo pure l'amico @rikymoto

 

nessuna scelta è casuale e rispetto al passato FCA può sicuramente avvalersi di alcuni vantaggi, una delle quali di essere sana e con un portafoglio disponibile

credo che in futuro non possano coesistere tutti i costruttori in tutte le aree del mondo, quindi la sopravvivenza passerà per forza di cose anche con accordi di diverso tipo al fine di aumentare il numero di veicoli e motori prodotti aumentando quindi l'efficienza di alcuni stabilimenti diversamente da altri che, qualora non dovessero raggiungere il numero di pezzi , si troverebbero in difficoltà

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

FCA ha messo in piedi un piano preciso di crescita e finora ha non solo raggiunto i risultati ma addirittura rialzato l'asticella. Entro il prossimo anno si vedra' come Marchionne sia stato in grado (o meno) di portare avanti questo ambizioso progetto.

Intanto da un anno a questa parte e' (finalmente) ripartita Alfa Romeo. Da Aprile la Giulia verra' venduta anche in Cina e presto anche lo Stelvio avra' il suo palcoscenico nel mondo.

Il rilancio di Alfa come brand delle emozioni e' sicuramente una grande sfida per il Gruppo, e direi anche per l'italianita' del Gruppo, dato che l'ago della bilancia si muove inevitabilmente verso il mercato trainante.

Un altro punto su cui FCA sta facendo bene e' la globalizzazione del marchio Jeep. Queste vengono prodotte localmente in tutte le regioni. Quindi i prodotti adesso ci sono, non sono tutti Fiat, ma dobbiamo accontentarci ed anzi, esserne fieri di avere i brand premium come Alfa Romeo e Maserati tra i piu' ambiti nel mondo. In questo settore un processo di globalizzazione e' inevitabile dati gli enormi investimenti necessari per poter vendere un veicolo.

L'automobilismo e i trasporti in generale sono sempre piu' dei settori all'occhiello, soprattutto con l'inizio del trend sull'elettrificazione e la guida autonoma.

La mobilita' sta cambiando, oltre ad essere elettronica e sempre di piu' autonoma, sta diventando uno spazio in cui le persone possono anche lavorare e interagire con il mondo, e per questo sempre piu' persone devono lavorare su un veicolo che possa garantire sicurezza, affidabilita' e produttivita'. Non per niente dalla Sylicon Valley c'e' sempre piu' interesse a questo business. C'e' ancora molto da fare, dal costo delle batterie alla mitigazione dei problemi etici/morali tramite algoritmi di guida autonoma, quindi avanti tutta cari autoriparatori e tenetevi aggiornati ;)

 

Ahh dimenticavo: forza Jeep e forza Alfa Romeo!!!

 

 

 

 

 

  • Like 2
  • Thanks 6
Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Member Statistics

    16,655
    Total Members
    213
    Most Online
    Dms garage
    Newest Member
    Dms garage
    Joined
  • Forum Statistics

    33.8k
    Total Topics
    393.3k
    Total Posts
×
×
  • Create New...

Important Information

This site or third-party tools used by this make use of cookies necessary for its operation and useful for the purposes described in the Cookie Policy. If you want to learn more or opt out of all or some cookies, please consult the Cookie Policy . By closing this banner, clicking on a link or continuing to browse in any other way, you consent to the use of cookies.