Jump to content

Una bella immagine dell'Autoriparatore nell'anno 2013


Phoenix
 Share

Recommended Posts

  • Administrator

Oggi mi è arrivata questa rivista..

Ma questa è l'immagine (cliccate sull'immagine per ingrandirla) professionale che l'Autoriparatore trasmette?  :dimen:

 

Sono senza parole...

foto.JPG

Link to comment
Share on other sites

  • Moderator

Meglio stare zitti ch'è meglio, certo che anche chi gestisce la rivista deve essere molto documentato sull'argomento.

Link to comment
Share on other sites

x risparmiare sono andati in officina low cost  :dimen:

ho l'impressione ke qualcuno ci goda a dare queste cattive immagini alla categoria  :angry:

di certo ci sono di questi sparsi x il mondo..............ma se ne trovano altrettanto di migliori  :).................vai a farlo capire all'utente finale.............. :dimen:

Link to comment
Share on other sites

a mio giudizio è proprio una parte di utente finale continuamente alla ricerca di low cost che alimenta questo quadro e da un immagine non veritiera della categoria.tra questi bisogna distinguere chi lo fa per necessita e chi perche si considera piu furbo cercando il" risparmio" a tutti i costi

Link to comment
Share on other sites

meno male che e' distribuita da una coop. di gestione ricambi solo per autofficine altrimenti sii che immagine professionale!!

Link to comment
Share on other sites

ci sono andati giu pesanti eh?? e mi sa ke lo hanno fatto apposta......il tipo li pure sudato sembra uscito da "romanzo criminale"

Link to comment
Share on other sites

ricordo nel 1999 2000 alcune riviste mostravano l' autoriparatore fatiscente con la solita chiave inglese in mano completamente nero come uno spazzacamino. con rispetto parlando. case madre cosi ci presentavano. subito partirono querele da parte di una nota azienda di distribuzione ricambi oggi noto gruppo idia group.allora  si era all'inizio del noto gruppo point service che con orgoglio sono stato la prima officina        , d'italia con questo marchio,e subito porsero le loro scuse rimuovendo i cartelloni pubblicitari,grazie al sig. monzeglio titolare della mitica azienda idir group.

Link to comment
Share on other sites

Il problema grosso è che nolto spesso quel genere di Maccanico è nelle concessonarie.....l'esempio lampante è la nota XXX di torino.

Concessonaria nonchè assistenza di svariati marchi e il tech2 sanno solo come si accende(l'mdi lo hanno ma non riescono ad agg ecu poichè il termine pass-tru è a loro sconosciuto).

Cevrolette non hanno diagnosi e usano generica ecc....

 

Poi bisognerebbe spiegare al Fenomeno che le ditte che fanno ricambi sono poche....è poi la scatola a cambiare.

...E il prezzo

 

Poi cosa vuole dire"autoricambia tarocchi"?

Ricambi con scritta ngk, bosch...e poi non lo sono oppure ricambi definiti generici?

Link to comment
Share on other sites

  • Moderator

chiedo a enrico la mail non è si possa fare dal forum a nome di tutti mi sento criminalizzato e sporco

Link to comment
Share on other sites

  • Moderator

se qualcuno vuole scirvere ad Asconauto, può inviare mail qui: info@asconauto.it

 

 

 

io gia fatto ma se tutti insieme il peso è diverso non credi? anche se penso non sia fattibile

Link to comment
Share on other sites

  • Moderator

io gia fatto ma se tutti insieme il peso è diverso non credi? anche se penso non sia fattibile

 

La cosa piu' rapida è che ognuno mandi mail, anche perchè, a mio parere, fanno "peso" piu' di una sola anche se con tante firme

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Anche io avevo scritto..

 

Buongiorno,

dopo aver ricevuto la Vostra rivista di ottobre mi son sentito in dovere di scrivervi circa l'immagine

utilizzata per la copertina.

Non credo che la stessa rappresenti il settore dell'Autoriparazione al giorno d'oggi, dove molte officine e quindi molti Autoriparatori pur in tempi di crisi, continuano ad investire in attrezzature, strumenti e web per cercare di lavorare al meglio sulle auto.

Dall'immagine utilizzata traspare una bassissimo livello professionale, che va contro corrente ai tanti Autoriparatori d'Italia che cercano ogni giorno di mantenere della propia officina un'immagine seria ed un'esempio di professionalità.

Anche attraverso il web, gli advisor dedicati alle officine ed alcuni portali tecnici molti Autoriparatori puntano ogni giorno a mantenere un alto livello professionale e ritrovarsi riviste del settore con immagini tipo queste non può che dar da pensare.

  • Thanks 4
Link to comment
Share on other sites

Ho inviato anchio

 

Vista la copertina della vostra rivista dove si da' un'immagine non appropriata della maggior parte delle officine ,che fanno molti sacrifici per mantenere uno standar professionale adeguato ai tempi,ricordo che molte di queste officine fanno anche parte dell'associazione ,e di conseguenza sembra un'autogol.?????

cordiali saluti

Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Trascrivo di seguito risposta di Giuseppe Guzzardi direttore di AsConAuto Informa

 

 

Gentili signori,

rispondo con piacere a voi, tra i tanti lettori che ci hanno segnalato lo stesso disappunto, in merito alla copertina della rivista che ritrae un carrozziere "sprovveduto".

Vi ringrazio per i toni educati, sereni e costruttivi delle vostre mail, che riporto in calce.

 

Innanzi tutto vi ringrazio per essere attenti lettori della rivista: spero che ci siano, oltre alle tirate d'orecchie, altri motivi, in futuro, per scrivere al "vostro" AsConAuto Informa.

 

Avete ragione: l'immagine di copertina cui vi riferite era erronea per quel che riguarda una corretta verniciatura. Ma era proprio talmente evidente - nessun carrozziere, anche il più sprovveduto, commetterebbe errori così grossolani - che il nostro intento era chiaro: volevamo soltanto trasmettere una immagine di lavoro, di attività, di colore.

 

Giustissima peraltro la vostra osservazione: possiamo garantirvi che quel carrozziere è in realtà bravissimo, siamo noi che lo abbiamo "costretto" a improvvisare la scena per scattare la fotografia: i fotografi hanno spesso i minuti contati, quasi sempre si improvvisa (anche negli scatti più organizzati, quelli della moda, c'è del falso, dell'artefatto: non conta quello che materialmente vedi ma il contesto che trasmetti).

 

Ripeto, giustissima osservazione, ma l'errore era così macroscopico da non fare la differenza: non credo esistano carrozzieri che farebbero un intervento senza un minimo di accortezza e professionalità. Era solo una contestualizzazione, non descriveva il reale lavoro, duro e professionale, dei tanti operatori come voi.

 

Spero con ciò di avervi forniti elementi utili per farci "perdonare", e spero, insieme alla redazione, che rimarrete fedeli lettori (e consulenti) dellla rivista.

Un caro saluto

 

Giuseppe Guzzardi

direttore di AsConAuto Informa

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

  • Administrator

Ma io vedo una copertina sbagliata o la risposta non c'entra un caspio con la domanda?

 

Infatti.. son senza parole...

Link to comment
Share on other sites

E' il tipico comprtamento di chi gestice e redige queste riviste. Non sanno NULLA della professione.

In un altro forum mi sono permesso di rispondere una volta ad un altra "importantissima" rivista, mi hanno riposto in politichese senza darmi risposte.

Ovviamente sono stato l'unico. Risultato, ho preferito lasciar perdere.

Questa gente si ingrassa con il nostro lavoro, forse dovremmo tenerli un pò a stecchetto.

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Member Statistics

    16,616
    Total Members
    213
    Most Online
    iafanti
    Newest Member
    iafanti
    Joined
  • Forum Statistics

    33.6k
    Total Topics
    391.9k
    Total Posts
×
×
  • Create New...

Important Information

This site or third-party tools used by this make use of cookies necessary for its operation and useful for the purposes described in the Cookie Policy. If you want to learn more or opt out of all or some cookies, please consult the Cookie Policy . By closing this banner, clicking on a link or continuing to browse in any other way, you consent to the use of cookies.