Jump to content
apollokid
 Share


Test e Ricalibratura di un Debimetro – Seconda Parte

In questa seconda ed ultima parte si vuole mostrare come sia stato possibile ricalibrare il debimetro Bosch difettoso che non era di fatto più utilizzabile.

Ti sei perso la prima parte? Clicca sul link qua sotto!


Iniziamo riprendendo questo oscillogramma in cui sono presenti i segnali dei due debimetri (in blu quello del debimetro funzionante ed in rosso quello del debimetro difettoso) unitamente alla loro differenza misurata sia in valore assoluto (curva in viola) che in valore percentuale (curva in verde).

oscillogrammasegnalideiduedebimetri.thumb.jpg.1fc809e93309f2fb946263bc8aa43f90.jpg

Se si osserva con attenzione la curva verde si può notare come la differenza misurata sotto forma di errore percentuale si mantenga tutto sommato costante, indipendentemente dalla quantità di aria che viene misurata.
Come meglio mostrato dall'immagine seguente si può verificare che l'errore del segnale rimane sempre all'interno della fascia -8% ±2%.

erroresegnale.thumb.jpg.551650b89e96bebba6b1acde6fe0109d.jpg

 

Questo significa che il debimetro difettoso non è da considerarsi propriamente guasto in quanto il segnale che produce risulta semplicemente attenuato di circa un 8% rispetto a quello che dovrebbe essere.

Inizialmente ho pensato che doveva essere possibile agire su un trimmer di regolazione come avevo visto fare in questo video di una società specializzata nella ricalibratura dei debimetri, tuttavia ho potuto verificare che ciò non è possibile in quanto la PCB dei debimetri Bosch ne è sprovvista (oltre ad essere completamente annegata nella resina).

 

Schermata2024-01-23alle21_01_31.thumb.jpg.0b4f7fbceb78d7906afbc64865346037.jpg

 

Visto però che non era possibile regolare il debimetro dall'interno, perchè non farlo dall'esterno? Ecco quindi l'idea: realizzare un modulo esterno da interporre tra il debimetro e la centralina motore che fungesse da amplificatore di segnale.
In fin dei conti, se il segnale prodotto dal debimetro è attenuato e lo si riamplifica fino a compensare completamente questa attenuazione il segnale che si ottiene dovrebbe essere corretto. Ed alla centralina motore questo poco importa.
Lo possiamo vedere un po' come quando ci mettiamo gli occhiali per compensare un difetto visivo: il problema dei nostri occhi continua ad esistere ma grazie agli occhiali torniamo a vedere bene, ed alla fine è questo quello che importa.

Questo è il progetto del modulo esterno che ho realizzato e come si vede è piuttosto semplice. Fondamentalmente è basato su un amplificatore operazionale e pochi altri componenti (per non appesantire l'articolo ne descriverò il funzionamento in un successivo commento qualora vi fosse interesse).

Schermata2024-01-23alle21_02_42.thumb.jpg.2a18f72b45b9862b591dab1034f9d56c.jpg

 

Questo il modulo esterno una volta completato

Schermata2024-01-23alle21_03_58.thumb.jpg.4ca580fbd58e5110a662f53968116213.jpg

 

A questo punto non dovrebbe essere difficile immaginare come sia stato possibile ricalibrare il debimetro difettoso: è stato infatti sufficiente collegare il modulo al debimetro difettoso e poi, grazie al sistema descritto nella prima parte di questo articolo, regolare il guadagno dell'amplificatore tramite il trimmer fino a quando il segnale prodotto dal debimetro funzionante e quello in uscita dal modulo di taratura non erano perfettamente uguali, ovvero fino a quando la differenza tra i due segnali non era perfettamente zero.

La prova regina però non può che essere una: vedere come si comporta il motore durante una prova su strada.
E' per me difficile trasmettere con parole o grafici il fatto che il motore ha digerito molto bene q
uesta modifica che io chiamo scherzosamente “protesi per vecchi debimetri”.

Tutto il lavoro che ho descritto è stato oggetto di un video, così che chi volesse toccare con mano e sentire come girava il motore prima con il debimetro guasto e successivamente con il modulo di taratura, nonché durante il test di guida su strada ne abbia la possibilità:

Concludo il tutto con questa riflessione: sebbene sia stato possibile dimostrare la fattibilità tecnica di ricalibrare un debimetro starato grazie ad un modulo esterno mi sento di ritenere un dispositivo di questo genere più come uno strumento di diagnosi che non di riparazione. La sua più grande utilità secondo me è infatti quella di permettere in qualsiasi momento una rapida riparazione provvisoria di un debimetro diagnosticato come starato ed escludere così l'esistenza di altre concause che hanno portato al cattivo funzionamento del motore.
Un debimetro starato alla fine non si sa perché o come lo sia diventato ma non è così improbabile pensare che la staratura possa continuare a degenerare nel tempo ed una riparazione che si rispetti deve garantire ad un cliente la durabilità nel tempo.

  • Like 4
  • Thanks 1

User Feedback

Recommended Comments

operazione molto bella. i miei complimenti ad apollokid.

ho visto il video e voglio inserire qualche commento:

riguardo le cause della deriva del segnale, quasi sempre per difetto, la mia esperienza dice che si tratta di polvere che si deposita sull'elemento sensibile. anche se i filtri aria sono buoni col lungo andare qualcosa passa sempre e si deposita sul filamento ( a volte il filtro è montato male e fa passare la polvere)  e ancora peggio con quelle trasformazioni con filtri aria "racing" che si distinguono per lo scarso filtraggio, e peggio di tutti quelle cartucce filtranti che si presentano ricoperte di pelucchi.  con queste alcune vetture uccidono un debimetro all'anno.

il filamento sporco poi rallenta leggermente lo sviluppo del segnale nelle variazioni veloci.

una deriva elettronica direi che è da escludere.

un ricordo invece del passato:  correva l'anno 1990 circa, vettura alfa 33 con motore boxer 16v,  nella prima versione aveva un debimetro primi tipi a portella (comune anche alla 164 ).  questo debimetro aveva una difettosità,  sbandava il segnale verso il basso con le basse temperature.  fu introdotto un cavetto di correzione che conteneva un amplificatore di segnale che ricorreggeva il segnale debimetro al valore normale.  quel cavetto fu messo anche a ricambi per i clienti che si lamentavano. durò poco, il tempo di correggere la produzione, e di preparare la nuova serie col debimetro a film caldo.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

peppino mibtel

Posted (edited)

5 minuti fa, sergiot ha scritto:

operazione molto bella. i miei complimenti ad apollokid.

ho visto il video e voglio inserire qualche commento:

riguardo le cause della deriva del segnale, quasi sempre per difetto, la mia esperienza dice che si tratta di polvere che si deposita sull'elemento sensibile. anche se i filtri aria sono buoni col lungo andare qualcosa passa sempre e si deposita sul filamento ( a volte il filtro è montato male e fa passare la polvere)  e ancora peggio con quelle trasformazioni con filtri aria "racing" che si distinguono per lo scarso filtraggio, e peggio di tutti quelle cartucce filtranti che si presentano ricoperte di pelucchi.  con queste alcune vetture uccidono un debimetro all'anno.

il filamento sporco poi rallenta leggermente lo sviluppo del segnale nelle variazioni veloci.

una deriva elettronica direi che è da escludere.

un ricordo invece del passato:  correva l'anno 1990 circa, vettura alfa 33 con motore boxer 16v,  nella prima versione aveva un debimetro primi tipi a portella (comune anche alla 164 ).  questo debimetro aveva una difettosità,  sbandava il segnale verso il basso con le basse temperature.  fu introdotto un cavetto di correzione che conteneva un amplificatore di segnale che ricorreggeva il segnale debimetro al valore normale.  quel cavetto fu messo anche a ricambi per i clienti che si lamentavano. durò poco, il tempo di correggere la produzione, e di preparare la nuova serie col debimetro a film caldo.

(chiedo scusa dell'O.T.)

grazie Sergio anche dell'episodio Alfa 33 1.7, in quel periodo il sottoscritto era in autorizzata ex concessionaria del Biscione.... quanti ricordi!!!

Edited by peppino mibtel
Link to comment
Share on other sites

  • Administrator
Phoenix

Posted

Vorrei innanzitutto ringraziare @apollokid  per questo approfondimento, è sempre interessante leggere tra le righe la passione che traspare...
Mi chiedevo se questo amplificatore di segnale potrebbe un po' essere quello usato da alcune aziende che vendevano centralinette da interfacciare sui misuratori tipo su Golf IV ecc... ricordo che con misuratore piuttosto datato ridavano vita all'auto.

20 ore fa, sergiot ha scritto:

la mia esperienza dice che si tratta di polvere che si deposita sull'elemento sensibile

Ricordo in particolare sulle Fiesta 1.250cc che montavano misuratore a filo caldo (che poi erano due i filamenti), erano ben visibili e pulendoli con un pennellino ed un solvente l'auto prendeva nuovamente elasticità e accelerazione.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Phoenix ha scritto:

Mi chiedevo se questo amplificatore di segnale potrebbe un po' essere quello usato da alcune aziende che vendevano centralinette da interfacciare sui misuratori tipo su Golf IV ecc... ricordo che con misuratore piuttosto datato ridavano vita all'auto.

effettivamente come amplificatore è applicabile a un qualsiasi sensore/attuatore che lavora nella scala 0-5 volt.  sia esso debimetro o acceleratore, regolatore di pressione aria o carburante. qualcuno avrà efficacia se aumenta il segnale, altri se lo diminuisce, dipende da cosa si vuole ottenere.

tornando alla storia equivale all'operazione meccanica che si faceva anni fa sui debimetri a portella dove si allentava la molla per generare più segnale e quindi più benzina.

Edited by sergiot
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites



Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Add a comment...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...

Important Information

This site or third-party tools used by this make use of cookies necessary for its operation and useful for the purposes described in the Cookie Policy. If you want to learn more or opt out of all or some cookies, please consult the Cookie Policy . By closing this banner, clicking on a link or continuing to browse in any other way, you consent to the use of cookies.